Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.

 

Progetti sostenuti

Progetti sostenuti

La Fondazione ADAS è una Onlus che fornisce terapie del dolore, supporto psicologico e cure palliative a domicilio.

Progetto MidLINE. Supporto medico gratuito a domicilio.

50.000 €

L’obiettivo del progetto è quello di evitare ospedalizzazioni improprie o inutili accessi ospedalieri dovuti ad un’inadeguata gestione domiciliare dei sintomi o ancor peggio per il solo posizionamento di un accesso venoso stabile. Nello specifico si vuole garantire la possibilità di posizionare accessi venosi stabili (tipo MidLINE), mantenendo comunque uno standard di sicurezza elevato al pari di quello ospedaliero. Per il raggiungimento di tale obiettivo è indispensabile utilizzare apparecchiature ecografiche e cateteri venosi specifici, oltre a disporre di materiale di consumo necessario alla procedura stessa e di personale formato. Ad oggi, nessuna struttura territoriale ha le risorse umane, logistiche e i materiali necessari per l’approccio domiciliare al paziente al fine del posizionamento dei MidLINE e lì dove risultino essere disponibili risorse umane, queste non sono formate in maniera specialistica per il fine preposto. In tale contesto la Fondazione ADAS, occupandosi da oltre trent’anni di assistenza domiciliare e disponendo pertanto della necessaria struttura logistica, potrebbe destinare risorse umane, know-how e materiali a un certo numero di pazienti ricoverati in strutture residenziali o in setting di cure palliative.

Parco Culturale Alta Langa è un ente non-profit per la promozione delle potenzialità dell’Alta Langa finalizzate allo sviluppo socioeconomico, culturale e turistico del territorio.

Progetto di promozione e recupero dei saperi e del paesaggio dell’Alta Langa.

65.000 €

Il progetto consiste nel recupero dei saperi, delle tradizioni e del paesaggio costruito dell’Alta Langa. Gli artigiani, che ancora sanno costruire con la pietra, il legno e le malte antiche, lavorano a fianco degli studenti sui beni da recuperare, insegnando loro il mestiere con la pratica “sul campo”. Questa attività è svolta a Cascina Crocetta, piccolo borgo concesso in comodato d’uso dal Comune di Castelletto Uzzone. Grazie alla consulenza del Centro di Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, il Castello di Monesiglio, debitamente ristrutturato, diventerà un “Castello di Comunità”, funzionale alle esigenze e alle prospettive di sviluppo e valorizzazione del paese. Il progetto, infatti, si occupa anche della promozione turistica del territorio attraverso la pratica fotografica in stile pittorialista, l’urban design e la costruzione di brand identity e merchandising che coinvolge il lavoro di una giovane artista spagnola, collettivi e studi di designer e architetti. Sempre in chiave di promozione del territorio e di recupero delle tradizioni viene organizzato, in collaborazione con l’Apostolato Universitario e la Pastorale Universitaria di Torino, un corso volto a favorire la digitalizzazione di ogni esperienza manuale nell’ambito delle competenze tradizionali.

Il Forum filantropico Est-Ovest (EWPF) funge da piattaforma per lo scambio interculturale e la collaborazione tra filantropi su cambiamento climatico, conservazione, sostenibilità, istruzione, leadership femminile e eredità familiare.

Progetto di promozione dell’educazione attraverso l’arte e la ricerca dell’uguaglianza di genere in Cina, di scambio e formazione in Italia e in Europa per giovani filantropi cinesi sui valori e sulle esperienze tradizionali.

60.000 €

Il Forum Filantropico Est-Ovest (EWPF) ha organizzato con successo una serie di workshop, summit filantropici, summit sulla sostenibilità, tavole rotonde, forum bilaterali internazionali e altri scambi e incontri internazionali di alto livello. Il Forum Filantropico Cina-Italia è una piattaforma bilaterale della società civile che promuove la cooperazione tra reti filantropiche italiane e cinesi. È stato istituito per iniziativa del TOChina Hub (Università di Torino, T.wai ed ESCP Business School). I partner cinesi in programma per il periodo 2022-2024 sono l’Università di Pechino (la massima istituzione accademica cinese) e la China Development Research Foundation (la più importante fondazione istituzionale cinese). Il forum è co-presieduto dal presidente Romano Prodi e dal sig. Lu Mai. Il Forum Filantropico Est-Ovest (EWPF) è partner strategico del Forum Filantropico Italia Cina (CIPF).

I futuri progetti del CIPF supportati dall’EWPF includono:
– “Rinascimento per bambini II”, facendo tesoro del primo test del progetto “Rinascimento”, dovrebbe essere implementato secondo i programmi dal 2021 al 2022 in diverse aree rurali della Cina con ulteriori donazioni da altre fondazioni al di là delle due famiglie filantropiche fondatrici. Si prevede che i modelli e le lezioni dei due trimestri di questo progetto pilota possono essere valutati ed eventualmente adottati dai decisori politici cinesi e da altri organizzazioni governative e non-profit che intendono portare avanti esperimenti analoghi o ampliare programmi similari per promuovere l’istruzione attraverso l’arte nel perseguimento dell’uguaglianza di genere in Cina.
– “Rinascimento attraverso la filantropia” sarà una serie di programmi di scambio e formazione su misura da tenere in Italia e in tutta Europa per i giovani filantropi cinesi che si concentrerà sui valori e le esperienze tradizionali oltre che sui concetti e le tecnologie d’avanguardia nella filantropia attraverso un framework di dialogo interculturale. Il programma dovrebbe essere lanciato nel 2022 se riprenderanno appieno i viaggi internazionali.

Fondazione Augusto Rancilio è un ente culturale senza fini di lucro con finalità di studio e ricerca nei campi dell’Architettura, Design e Urbanistica con particolare attenzione ai giovani e al loro inserimento nel mondo del lavoro.

Progetto di restauro e valorizzazione di Villa Arconati.

30.000 €

Fondazione Augusto Rancilio è un ente culturale senza fini di lucro fondato nel 1983 in memoria dell’architetto Augusto Rancilio, tragicamente scomparso a soli 26 anni. Accanto alle sue originarie finalità di studio e ricerca nei campi dell’Architettura, Design e Urbanistica – con particolare attenzione ai giovani e al loro inserimento nel mondo del lavoro – FAR promuove oggi la tutela e la valorizzazione della sua sede istituzionale, Villa Arconati-FAR a Bollate, Villa di delizia del ‘600 immersa nel verde alle porte di Milano.
Qui la Fondazione opera nell’ambito territoriale promuovendo iniziative culturali, rapporti e collegamenti nazionali ed internazionali, oltre che un importante progetto di restauro della Villa e del suo giardino. Il suo obiettivo è non solo restituire questo patrimonio alla collettività, ma valorizzare oggi, in una prospettiva contemporanea e internazionale, l’identità di luogo dell’Architettura e delle Arti che nel passato le valse il nome di “Versailles di Milano”.
Il progetto di restauro propone di dare nuova vita a spazi della Villa tutt’ora dimenticati tra cui il Cantinone: un luogo dal fascino particolare e immutato nei secoli, che dopo l’intervento potrà essere riaperto al pubblico e ospitare attività culturali ed eventi di promozione enogastronomica nell’interesse di un territorio molto attento a queste tematiche.
La Villa si trova infatti in una favorevole posizione strategica, a metà strada tra la Grande Milano e la zona turistica dei laghi, a soli 4 km dal nuovo polo MIND ospitato nella ex sede di Expo 2015 e all’interno di una grande zona verde che vede la coesistenza di Ville nobili, parchi, vie d’acqua ed itinerari cicloturistici.

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea è un museo italiano dedicato all’arte contemporanea. Ha sede nella Residenza Sabauda del castello di Rivoli, a Rivoli, in provincia di Torino.

Castello di Rivoli. Arte e natura. Progetto di avvicinamento all’arte contemporanea e alla sostenibilità per bambini e famiglie.

30.000 €

Il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli propone il seguente progetto, perseguendo l’obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza dell’arte e della cultura contemporanea ispirandosi al principio Educare all’arte con l’arte.
Il programma è pensato per contrastare gli effetti negativi della pandemia, creato per offrire nuove opportunità culturali e promuovere uno sviluppo cognitivo differente, non più antropocentrico ma sempre più eco-centrico; per favorire nuove visioni multi/specie del mondo, attraverso inedite narrazioni e diverse costellazioni di opportunità.
Si tratta quindi di favorire relazioni, emotivamente ricche di significati, tra i bambini, i ragazzi e la natura, con un ideale riferimento anche alle opere del Castello di Rivoli, tra le quali “Incidenze del vuoto” di Giuseppe Penone che accoglie il pubblico nel piazzale del Castello. Attraverso le esperienze proposte si introducono nell’ambito della formazione elementi di conoscenza dell’arte del tempo presente e non solo, ponendo in evidenza l’importanza della funzione educativa dell’arte nella dimensione sociale. Le attività sono finalizzate a favorire il senso di appartenenza alla squadra di lavoro, valorizzando le potenzialità di ognuno attraverso un’azione creativa.
Il Dipartimento Educazione ha una particolare attenzione ai temi della salvaguardia ambientale, del riciclo e recupero dei materiali, poetica centrale di molti artisti contemporanei, che attraverso l’uso del materiale non convenzionale consentono una re-visione della storia dell’arte.

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è un’istituzione non-profit. Tra le prime fondazioni private aperte in Italia, è un osservatorio sulle tendenze artistiche e i linguaggi culturali del presente, all’incrocio tra arte, musica, danza, letteratura e design.

Terzo Tempo. Arte contemporanea e movimento. Un progetto di accessibilità e inclusione sociale dedicato a persone anziane e fragili del territorio piemontese.

71.000 €

Da sempre la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – istituzione non-profit costituita nel 1995 – favorisce le iniziative che pongono al centro la solidarietà, la vita e il benessere delle comunità, individuando nella cultura e nell’arte contemporanea, gli ambiti adatti per promuovere progetti di reale utilità sociale. Nell’ambito dell’asta Barolo en primeur, la Fondazione ha coinvolto il suo Dipartimento educativo invitandolo a concepire una proposta progettuale coerente con la filosofia del progetto. Il Dipartimento educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e la sua sezione Accessibilità e Inclusione progettano e realizzano attività dedicate a scuole, giovani, adulti, insegnanti, famiglie e persone vulnerabili e con disabilità. L’opera d’arte è alla base della filosofia educativa e dell’approccio metodologico della Fondazione: l’opera è assunta come punto di partenza per sollecitare la rielaborazione autonoma dei contenuti da parte dei pubblici, coinvolti attivamente nelle attività secondo un’idea di partecipazione che tiene conto delle fasce di età e delle singole esigenze delle persone, in particolare di quelle con fragilità. Con il progetto Terzo Tempo si intende promuovere e valorizzare il ruolo della popolazione anziana, favorire l’inclusione sociale e le relazioni intergenerazionali per contrastare così la solitudine, ma anche ripensare l’invecchiamento come momento vitale e creativo della vita. Accessibilità e inclusione sono parole chiave per tutte le attività, nella convinzione che il patrimonio culturale sia più ricco quando è realmente condiviso da tutti e tutte.

L’Associazione B612LAB di Saluzzo è una realtà che mira a promuovere politiche giovanili attraverso proposte progettate dai ragazzi stessi insieme agli attori locali.

Progetto Thesaurus Monviso. Un impegno attivo dei giovani in ambito socio-culturale e ambientale.

30.000 €

Il progetto Thesaurus Monviso ha l’obiettivo di mettere a sistema l’impegno attivo dei giovani in ambito socio-culturale e ambientale con i progetti, le realtà e gli enti già attivi sul territorio delle Valli del Monviso, in modo da creare sinergie virtuose e tesaurizzare l’esistente rendendolo più accessibile, più conosciuto e più partecipato dai giovani.
Il progetto vuole rendere strumento le collaborazioni e i partenariati territoriali con il settore della cultura, quello sociale e quello ambientale per favorire la partecipazione attiva dei giovani sul territorio, portando punti di vista diversi e partecipi.
Il progetto intende inoltre favorire le competenze necessarie per la formazione di un gruppo giovani operativo, competente e responsabile. Saranno promosse azioni per aumentare le proprie capacità sui temi della peer education, della progettazione socio-culturale, della gestione amministrativa. Per migliorare la partecipazione e il senso di appartenenza dei giovani bisogna pensare a nuove modalità di interazione: un percorso di riflessione e di empowerment, ricco di interazioni con la collettività, così da favorire una maggiore consapevolezza e riconoscibilità. L’attenzione alla dimensione civica consente la co-progettazione delle attività socio-culturali e ambientali di rispondere in modo più concreto ai bisogni, rendendo le comunità più sane e inclusive.
Il coordinamento territoriale sarà composto dai rappresentanti della partnership, dagli amministratori dei comuni coinvolti e da tutti gli altri collaboratori attivi sul progetto. Attraverso modalità di riflessione partecipata si vuole avvicinare la comunità alle reali necessità dei giovani, creando occasioni di confronto e di lavoro non formale o istituzionale.

Progetto Thesaurus Monviso. Un impegno attivo dei giovani in ambito socio-culturale e ambientale.Mother’s Choice è un ente di beneficenza nato a Hong Kong nel 1987 per sostenere bambini senza famiglie e adolescenti in gravidanza.

Progetto di sostegno per le adolescenti in gravidanza a Hong Kong.

60.000 €

Nel 1986 una serie di articoli di giornale davano notizia del numero allarmante di gravidanze adolescenziali a Hong Kong. Questo spinse Gary e Helen Stephens e Ranjan e Phyllis Marwah a fondare Mother’s Choice. Con il loro cuore per il servizio, l’amore per la città di Hong Kong e il sostegno di molti nella comunità, hanno aperto le porte a Mother’s Choice nel 1987. La passione nel fornire un sostegno amorevole e non giudicante alle tante adolescenti incinte che non avevano nessuno a cui rivolgersi si è ampliato per fornire cure educative ai bambini senza famiglia ed essere per loro una voce di aiuto. La visione di Mother’s Choice è audace, ma insieme si può realizzare.

Coordinamento provinciale della Protezione Civile di Cuneo

30.000 €

Opera Barolo

30.000 €

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale Sezione Piemonte OdV

30.000 €

Centro di Prima accoglienza Albese ONLUS

30.000 €

Castello di Racconigi

30.000 €

Fondazione Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo ONLUS

30.000 €

Museo Civico Adriani di Cherasco

30.000 €

Fondazione Ricerca Molinette ONLUS

30.000 €

Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra ONLUS

30.000 €